mercante nel tempio

Un anonimo lettore, un fortunato possessore della prima edizione di Le ultime avventure di Gummo, un ingrato fortunato possessore e lettore, mi ha rivolto queste parole: “Sarai forse un buon filosofo, se questa espressione vuol dire qualcosa, ma come rilegatore di libri hai molto da imparare.” Per ovviare a questo problema e andare incontro agli ordini (che pur sparuti, ricevo) tra pochi giorni saranno disponibili nuove copie del libro, solidamente rilegato, che come ricordo viene venduto a 9 euro (spedizione compresa). Si concordano anche scambi, baratti e potlatch. Inoltre, vorrei mettere a tacere le voci sul presunto plagio operato all’omonimo libro di Elia Spallanzani: non esiste nessun libro del genere, e probabilmente lo stesso Elia Spallanzani non è mai esistito.

E adesso il simpatico commento di un’anonima lettrice, dalla quale vi prego di prendere esempio:

lo detengo. Banalmente comprato tramite la moderna tecnologia? No, ovviamente: ho mandato un tizio che si è inoculato nella mia vagina direttamente in missione al grido “Io te l’ho data, tu vai a prendere il cazzo di libro”. Quando il mio ordine è stato accompagnato dalla concreta minaccia di precludere il suo accesso ad ogni mio orifizio vita natural durante, si è piegato dinnanzi al potere della vulva e me lo ha comprato (recandosi di persona nella misteriosa libreria? certo che no: egli è tecnocrate e ha mandato un emissario).