C’era una volta un Re

Quando é ambientato il Re Lear? Confesso la mia ignoranza, alimentata da molte regie: credevo che la tragedia si svolgesse in un immaginario Medioevo, alto e selvaggio, come altre fantasie scespiriane. Ma se la Historia Regum Britanniae di Goffredo di Monmouth non mente (e certamente non mente) re Lear di Britannia ha regnato nel decimo secolo prima di Cristo. Nel frattempo, i fenici solcavano il Mediterraneo e inventavano l’alfabeto (se non mente Plinio), nascevano i regni d’Israele e di Giuda in seguito alla morte di Salomone costruttore del tempio (se non mente l’Antico Testamento) e gli scandinavi addomesticavano il cavallo. Non molto dissimile doveva essere la situazione in Britannia. Insomma: ci hanno mostrato corti e palazzi e un vecchio magro esistenzialista con la vestaglia sdrucita, ma la verità é ben diversa. Vestaglia? Quale vestaglia?

Pelli di orso, altroché. Re Lear di Britannia, come più tardi Gorboduco, é un barbaro pre-romano come Conan il cimmero. Per non parlare dei suoi antenati e discendenti, una sconfinata teoria di nomi e storie leggendarie resa disponibile dai solerti wikipediani per il nostro divertimento: dal terribile Belino il Grande al pacioccoso Gurguit Barbtruc.