Economia della Salvezza

La Biblioteca Apostolica Vatica ha lanciato qualche tempo fa una collana di stampe facsimili di alcuni splendidi manoscritti; ad esempio una Commedia dantesca illustrata dal Botticelli. Lo scopro leggendo per caso un vecchio depliant, di quelli che si allegano ai periodici, che tra l’altro ci rassicura sul valore della copia:

Ecco perché possedere un “Codex Facsimile” è come possedere l’originale.

Detto da coloro che hanno inventato la transustanziazione, c’è da crederci. Il concetto di “similitudine” e l’avverbio di comparazione erano già usati dai padri per definire il rapporto tra Eucaristia e Corpo di Cristo. Il marketing e la filosofia del design non hanno mai avuto modo riflettere su come l’articolata costruzione teorica della teologia sacramentale patristica e medievale potrebbe giovare alla promozione degli oggetti seriali – libri, arredi, soprammobili, monili – che l’industria produce. Perché vendere una copia, anche se in serie limitata, è pur sempre vendere una copia. Ma vendere infinite volte l’originale, al prezzo dell’originale, questo è davvero un affare.