Corpus Christie’s

Damien Hirst ha venduto il bottino un momento prima dell’Apocalisse. Conoscendo il suo intuito finaziario, non c’è da stare tranquilli: alla prossima grande asta, se va tutto liscio, crolla l’Arte Contemporanea.