Abbasso la scuola (e anche i blog)

Il tempo è poco, e forse la forma-blog non è più adatta a quello che cerco di fare. Per le segnalazioni, gli aforismi, gli appunti, le battute, bastano i social network. E per riflessioni approfondite, c’è bisogno di più spazio e anche più disciplina. Ultimamente la forma-articolo mi sta dando qualche soddisfazione, una ventina di pagine a botta sono un buon modo di mettere giù le idee in maniera non troppo frammentaria. E allora cominciamo con questo Abbasso la scuola: effetti perversi di un’utopia democratica, un primo tentativo di mettere ordine nelle cose che ci siamo detti negli ultimi quattro, cinque anni; un primo tassello di quella “teoria della classe disagiata” che sto scrivendo poco a poco. Grazie ad Antonio Vigilante aka Naciketas, vecchia conoscenza dei tempi di splinder, per aver voluto rischiare la sua reputazione pubblicandolo sulla rivista Educazione Democratica.